Lingua Italiano English
Currency
Archivi

Come si fa la raccolta del pistacchio verde di Bronte DOP?

Inserito da inserito in Eventi il 14 Settembre 2015 . 0 Commenti.
Come si fa la raccolta del pistacchio verde di Bronte DOP?

Quando si arriva a Bronte la prima cosa che si nota sono gli alberi di pistacchio ai bordi della strada. Sono ovunque, ce ne sono tantissimi. E stanno tutti incastrati tra le rocce di pietra lavica e gli arbusti che compongono la «scìara», il terreno tipico di questa parte della Sicilia, figlio delle eruzioni e degli assestamenti del terreno. In questi giorni, in mezzo alla scìara c’è un sacco di gente: la raccolta 2015 del pistacchio verde di Bronte è cominciata. E noi ci prepariamo a festeggiarla.

Intanto, però, visto che solo i siciliani hanno la fortuna di poter assistere a questo momento tradizionale, che si ripete uguale generazione dopo generazione, vi raccontiamo alcune cose che forse non sapete sulla raccolta del pistacchio verde di Bronte DOP.

  1. Le piante di pistacchio iniziano a fruttare tra i cinque e i sette anni dopo essere state innestate. È un tempo relativamente lungo, al quale però fa da contraltare una longevità invidiabile;

  2. Ogni pianta produce tra i cinque e i 15 chili di tignosella, il frutto grezzo. Lì dentro, tra due membrane protettive diverse, c'è un cuore preziosissimo: il pistacchio verde di Bronte;

  3. La raccolta viene fatta rigorosamente a mano. Sotto agli alberi vengono messi dei teloni o degli ombrelli. Poi i raccoglitori iniziano a scuotere la pianta e il pistacchio col mallo, che è già maturao, cade da sé. È una vera e propria pioggia di gemme;

  4. Chi raccoglie il pistacchio, lo mette dentro alcune grosse sacche. O dentro a contenitori di plastica che vengono trasportati a spalla verso le macchine smallatrici. È un lavoro duro, ma riempie di soddisfazioni;

  5. Una volta che il pistacchio è stato sbucciato e privato del suo rivestimento esterno, viene messo ad asciugare sotto il caldo sole brontese. Ci vorrà qualche giorno prima che sia pronto per essere imbustato. Non tostato, non salato, verdissimo e fragrante.
     

Voi avete mai visto la raccolta del pistacchio? Se sì, avete avuto la nostra stessa fortuna. Altrimenti, ci siamo noi qui, pronti a raccontarvela sui nostri social uno scatto dopo l’altro.

Commenti

Scrivi un Commento

Scrivi una Risposta

* Nome:
* E-mail: (Non pubblicato)
   Sito web: (Indirizzo web con http://)
* Commento: